Seleziona una pagina
Siti storici E Culturali della Turchia

Siti storici E Culturali della Turchia

Written By

Redazione Istanbul Turismo

Date

Ott 2, 2022

Category

Siti storici E Culturali della Turchia

Siti storici e culturali della Turchia, ecco quelli che dovresti visitare.

Il paesaggio umanizzato della Turchia è inseparabile dalla sua cultura. Tuttavia, per l’esterno, la Turchia dà un nuovo significato alla natura selvaggia, perché anche nelle parti più impervie o isolate (come le cime delle alte montagne o i luoghi segreti delle valli) il visitatore rimane con la sensazione che questo luogo, in un momento storico , ora selvaggia e incolta, è stata la casa di civiltà con villaggi stanziati e vita cittadina per novemila anni in Anatolia .

Erano persone di diversa origine, che venivano a ondate e si mescolavano a quelle già insediate, creando ogni volta una nuova sintesi. Tra il 2000 aC e il 1500 dC, questo paesaggio fu il centro della civiltà mondiale. L’interpretazione della scena mondiale odierna si basa sulla nostra comprensione di ciò che è accaduto su questo paesaggio negli ultimi quattro millenni e che ora si manifesta nelle rovine e nei monumenti che adornano il paesaggio

Fino all’avvento della modernità, che in Turchia è associata al vasto programma autostradale degli anni ’50, il paesaggio era rimasto com’era per millenni. 

Ankara siti culturali e storici

Quando vedi una replica di uno dei primi villaggi agrari del mondo, risalente a quasi 7.000 aC, nel Museo delle Civiltà Anatoliche nella capitale Ankara , non puoi perderti la somiglianza tra questo prototipo e tutti quegli altri che diventi quello che noi chiama il volgare. Quando hai qualcosa che funziona, perché cambiarlo?

In Anatolia l’assetto insediativo è più o meno quello che era al tempo delle antiche civiltà. Ci sono buone probabilità che la strada che stai percorrendo sia la stessa su cui calpestavano grandi guerrieri d’Oriente e d’Occidente e variopinte carovane , e galoppavano corrieri di posta o trattati segreti. Forse è la stessa strada percorsa da san Paolo e dai suoi discepoli o dai sufi che diffondono la conoscenza divina. Forse Alessandro Magno o il potente re Creso hanno combattuto contro i loro nemici nello stesso punto in cui stai viaggiando.

Graziosi acquedotti costruiti dai romani resero possibili le concentrazioni urbane. I ponti costruiti da Sinan e altri architetti ottomani punteggiano la campagna e sono ancora utilizzati per il passaggio sicuro di beni e servizi. I caravanserragli risalenti all’impero selgiuchide dell’XI secolo offrivano rifugio e sollievo ai viaggiatori stanchi. Puoi anche soggiornare in un caravanserraglio , perché molti sono stati restaurati in hotel di lusso. Anche molte Medresses sono in buone condizioni, oggi per lo più utilizzate come musei.

Altri siti culturali e storici

Oltre agli edifici storici orgogliosamente esposti nei principali siti archeologici come Assos, Troia , Pergamo, Efeso, Mileto, Priene, Didyma, Afrodisia , Eraclia, Myra, Olimpo, Chimeira, Phaselis, Patara, Xantos , Pinara, Tlos, Letoon , Alicarnasso , Cnido , Hattusas , Alacahöyük , Çatalhöyük , Yazilikaya , Nemrut , Ani , Hasankeyf , Zeugma , Gobeklitepe , Psidian Antiochia , Nicea , Sardi , Gordion , Caunos , Labranda , Perge e Aspendos, molti villaggi e città costiere sono benedetti con le proprie rovine anatoliche alla periferia. Di solito si tratta di un antico teatro che offre una vista spettacolare sulla spiaggia dove, vi diranno gli abitanti del villaggio, Cleopatra ha spesso nuotato. Non devi nemmeno guardare lontano per l’agorà. Probabilmente è dove è sempre stato – proprio al mercato! Diversi villaggi hanno anche il privilegio di avere “città sommerse” ( Kekova ) o rovine sotto il mare , che puoi vedere se guardi in basso nelle acque cristalline e turchesi.

L’ entroterra anatolico ti mostrerà scorci di altre antiche civiltà: gli Hatti , gli Hurri , gli Assiri , gli Ittiti , i Frigi , gli Urartiani , i Lidi e i Lici . Da queste civiltà provengono molte leggende familiari: donne guerriere conosciute come Amazzoni , la ricchezza del re lidio Creso che coniò le prime monete, il re Mida dal tocco d’oro, e il Nodo di Gordion che il giovane Alessandroriuscì a disfare con il colpo della sua spada.

Poi ci sono i luoghi minori, sia sacri che ordinari, ma dal significato profondo: monasteri, tombe di santi locali , eroi, poeti o artisti, moschee , chiese , mura, fortezze, palazzi , fontane e cimiteri . I pendii sono ricoperti da frammenti di antiche ceramiche, i muri contemporanei hanno spesso pietre angolari che possono risalire all’antichità. I bambini giocano e le pecore pascolano tra resti fragili. Fino a tempi molto recenti i Camini delle Fate in Cappadocia erano usati dagli abitanti del villaggio come celle frigorifere per le loro cantine di cibo o vino.

La ricchezza stessa del paesaggio pone gravi sfide per la conservazione storica in Turchia . Sono stati compiuti buoni progressi nella salvaguardia dell’integrità dei siti più importanti e sono in corso lavori per scavare, catalogare e preservare l’enorme eredità del paese. Leggi rigorose impediscono l’esportazione di antichità.

Molti tour possono essere organizzati in Turchia , ci sono ottimi collegamenti terrestri e aerei tra le città e i siti storici.

Come arrivare in Turchia

Sono tanti i tipi avventurosi (e chi vi scrive fa parte di questa categoria) che raggiungono ogni anno la Turchia via macchina dall’Italia. Si tratta di un viaggio interessante, che vi permette di incontrare sul tragitto anche qualche chicca da visitare.

Sicuramente non si tratta di un viaggio semplice, dato che c’è da attraversare, nella migliore delle ipotesi, Italia, Grecia e infine Turchia,

Vediamo insieme come organizzarci, da dove passare e come evitare problemi di sorta.

Piuttosto che fare il giro dei balcani, con quello che comporta a livello di distanza da percorrere e di dogane da attraversare, è sicuramente meglio prendere un traghetto in direzione Igoumenitsa e poi procedere sulle autostrade greche.

I traghetti partono da Ancona e Brindisi, e dopo un viaggio piuttosto confortevole vi lasceranno, appunto, al porto di Igoumenista, da dove partono le autostrade greche che poi vi consentiranno di raggiungere anche Istanbul.

Sarà la crisi che ha colpito il paese greco, sarà che le autostrade sono anche troppo ampie per un paese che conta meno di 10 milioni di abitanti, ma sta di fatto che guidare in Grecia è uno spasso. Si paga pochissimo (circa 6€ fino al confine turco), non c’è praticamente nessuno, e si mangia anche bene in Autogrill.

Redazione Istanbul Turismo

Ultimi Post

Palazzo Boukoleon
Palazzo Boukoleon

Palazzo Boukoleon   Boukoleon Palace (Palazzo Bucoleon) Palazzo d'Estate degli Imperatori Bizantini: Palazzo Boukoleon, era il palazzo estivo degli imperatori bizantini, che fu costruito lungo le rive del Mar di Marmara, a sud del Gran Palazzo di...

Moschee del Grande Ammiraglio a Istanbul
Moschee del Grande Ammiraglio a Istanbul

Moschee del Grande Ammiraglio a Istanbul Ecco delle informazioni sulle moschee del grande ammiragio a ISTANBUL. Mimar Sinan (1489-1588) -senza dubbio- fu il più importante architetto ottomano. Nel XVI secolo costruì o supervisionò centinaia di strutture in ogni angolo...

Join Our School Newsletter

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *