Seleziona una pagina
Le migliori cose da fare sul Corno d’Oro Halic

Le migliori cose da fare sul Corno d’Oro Halic

Written By

Redazione Istanbul Turismo

Date

Set 30, 2022

Category

Le migliori cose da fare sul Corno d’Oro Halic

Il Corno d’Oro, noto anche come Halic, era il centro commerciale della vecchia Istanbul ed è anche una delle zone turistiche più popolari della città, quindi, andiamo a descrivere le migliori cose da fare sul corno d’oro Halic.

Essendo il porto principale della città per secoli, è anche l’unica baia più grande dello Stretto di Istanbul.

Nel VII a.C i Greci fondarono Bisanzio sulla sponda destra del Corno, mentre la sponda sinistra fu nel corso dei secoli pian piano occupata dai mercanti provenienti dalla Serenissima e dalla Repubblica di Genova.

Quest’area è da sempre teatro di intensissimi scambi commerciali e culturali, ed è stata testimone nel corso dei secoli di alcuni tra i principali avvenimenti storici d’Europa.

Cose da fare e da vedere

Dal godersi la piazza Eminonu e fare shopping nello storico bazar egiziano delle spezie, passeggiare lungo le stradine colorate restaurate intorno all’ex quartiere greco di Fener e al vecchio quartiere ebraico Balat, con la chiesa bulgara, che è una delle poche chiese prefabbricate in ghisa nel mondo, e riposarsi al caffè all’aperto situato sulla famosa collina di Pierre Loti (tramite un viaggio in funivia) con le viste mozzafiato del Corno d’Oro, visitare diverse aree di attrazione come il parco a tema Isfanbul, Miniaturk Open Air Museo, SantralIstanbul, delfinario di Istanbul, Museo dei trasporti di Rahmi Koc sono le cose migliori da fare e da vedere intorno al Corno d’Oro.

Puoi anche aggirare il Corno d’Oro prendendo le piccole barche che zigzagano tra le banchine su ciascun lato del Corno d’Oro.

Sponde meridionali del Corno d’Oro

 

L’Eminonu e la vicina Sirkeci sono i due quartieri situati lungo il Corno d’Oro, sulle rive del Palazzo Topkapi. Eminonu offre grandi attrazioni turistiche e strutture come caffè storici, ristoranti e hotel di qualità.

I ponti dei traghetti, piazza Eminonu, il famoso bazar egiziano delle spezie e la moschea Yeni sono i luoghi famosi da visitare e da vedere a Eminonu. Continua a leggere…

Zona Fener e Balat

L’ex quartiere greco Fener e vicino al vecchio quartiere ebraico Balat, situato sulle rive meridionali del Corno d’Oro, hanno un patrimonio storico molto ricco e una zona turistica molto popolare di Istanbul.

Fener e Balat sono diventati un luogo turistico con i recenti contributi nel campo del turismo. La regione è molto famosa sia tra i locali che tra i turisti. Le piazze principali sono piuttosto colorate con caffè e ristoranti turistici. Allo stesso tempo, la regione è piena di negozi di antiquariato.

Sapevi che Fener è il “Vaticano dell’ortodossia greca”? Fener ospita il Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli e la Chiesa bulgara di Santo Stefano, che è una delle poche chiese prefabbricate in ghisa al mondo. Il Patriarcato greco è ancora la chiesa madre del cristianesimo greco-ortodosso in tutto il mondo. I greci vissero a Fener fino alla metà del XX secolo. In seguito è stato più residente dai poveri immigrati dalla Turchia orientale. C’è un progetto UNESCO/UE nella regione per restaurare i numerosi edifici insieme a Balat.

 

Zona Eyup e Sutluce

Eyup è un quartiere sacro situato sulla costa meridionale, all’estremità del Corno d’Oro. Eyup può essere considerato il santuario più sacro di Istanbul, ospitando diverse importanti moschee, logge dei dervisci e cimiteri.

La moschea Eyup Sultan del XV secolo si trova sopra la tomba di Eyup Sultan, il portatore del profeta Maometto, morto durante l’assedio di Istanbul nell’anno 670, è la più importante e famosa. C’è anche un bellissimo cimitero e strutture turistiche vicino alla moschea.

Feshaneè un luogo vivace situato sulla costa con un grande giardino e sede di numerosi festival ed eventi durante tutto l’anno a Istanbul.

E poi arriva la famosa la collina Pierre Loti, una grande area turistica e di svago con un caffè all’aperto che si affaccia sul Corno d’Oro con splendide viste. La collina dista circa 55 metri dal livello del mare. Prendendo il nome da un famoso poeta francese, la collina è raggiungibile con un bel viaggio in funivia. Puoi riposarti lì bevendo il tuo caffè o tè turco o goderti i ristoranti.

Poco lontano dal distretto di Eyup, arriva il quartiere di Sutluce che un tempo era un deserto industriale e oggi ospita numerosi parchi a tema e musei, come Miniaturk, SantralIstanbul e Isfanbul.

Il Miniaturk, un museo all’aperto in miniatura della Turchia che ospita le forme in miniatura dei più grandi monumenti della Turchia. Il museo ospita anche l’Istanbul Crystal Museum e il Panorama Victory Museum. Un posto fantastico per godersi le giornate di sole a Istanbul con i tuoi bambini.

SantralIstanbul (www.santralistanbul.org) è un luogo di eventi culturali fondato con la conservazione e il restauro di una vecchia centrale elettrica fondata dai bulgari nel 1911. È il primo museo di archeologia industriale della Turchia. Si compone di museo dell’energia, un anfiteatro, sale da concerto e una biblioteca pubblica, e ospita mostre d’arte contemporanea ed eventi culturali. Troverai ristoranti e bevande premiati.

Sponde settentrionali del Corno d’Oro

Le coste settentrionali del Corno d’Oro iniziano con il quartiere di Haskoy. La zona non è molto turistica, ospita un vecchio cimitero ebraico e il famoso Museo dei trasporti M. Rahmi Koc, che è il primo museo del patrimonio industriale della Turchia.

Il Museo dei trasporti M. Rahmi Koc è un luogo da non perdere, un museo della scienza e della tecnologia che è ospitato in un’ex fonderia di ancore, dove puoi goderti una serie di macchine, auto d’epoca, treni e sottomarini.

 

Puoi visitare il museo nel tardo pomeriggio di sabato o domenica, e poi quando il museo chiude alle 7:00, fai un salto al Nelson Pub per un drink e poi cena sulle rive del Corno d’Oro al ristorante Halat .

Zona di Kasimpasa

Il quartiere di Kasimpasa viene dopo Haskoy attraverso la regione di Galar. La zona è famosa con il Padiglione Yalikavak.

Questa struttura che adorna le rive del Corno d’Oro da tre secoli è solo un esempio del gruppo di edifici noto come Palazzo Aynalikavak durante l’era dell’Impero Ottomano. Inoltre, l’area era un luogo di riposo appartenente agli imperatori in epoca bizantina.

Troverai caffè durante i mesi estivi, oltre a spettacoli di musica d’arte classica turca e ricevimenti nazionali e internazionali. Troverai anche un Museo della Musica al piano terra dove puoi goderti le esibizioni di ance, tamburi, spartiti e lastre di pietra.

Karakoy e zona di Galata

La regione di Karakoy e Galata è il punto di partenza del Corno d’Oro a nord, attraverso la regione di Eminonu a sud.

Galata è un grazioso quartiere del distretto di Beyoglu, ricco per il suo patrimonio storico e culturale. Si trova ai piedi di Beyoglu e circondato dai quartieri Azapkapi e Karakoy dal Corno d’Oro e dalla famosa Torre di Galata.

Famosa per la sua fantastica Torre di Galata, che è sormontata da un tetto di cappello da strega, la zona di Kuledibi (che significa “fondo della torre”) con le sue dolci stradine che ospitano una varietà di deliziosi caffè e ristoranti, il nome del quartiere di Galata deriva dalla parola greca “gala” che significa “latte”, e sta per il mercato del latte che un tempo si trovava sul sito.

Situata alla foce del Corno d’Oro, verso Galata, Karakoy è famosa per la sua vivace vita cittadina, le banche, le locande, i caffè straordinari, le pasticcerie sulla riva, l’arte di strada, gli studi storici e le boutique.

 

Come arrivare in Turchia

Sono tanti i tipi avventurosi (e chi vi scrive fa parte di questa categoria) che raggiungono ogni anno la Turchia via macchina dall’Italia. Si tratta di un viaggio interessante, che vi permette di incontrare sul tragitto anche qualche chicca da visitare.

Sicuramente non si tratta di un viaggio semplice, dato che c’è da attraversare, nella migliore delle ipotesi, Italia, Grecia e infine Turchia,

Vediamo insieme come organizzarci, da dove passare e come evitare problemi di sorta.

Piuttosto che fare il giro dei balcani, con quello che comporta a livello di distanza da percorrere e di dogane da attraversare, è sicuramente meglio prendere un traghetto in direzione Igoumenitsa e poi procedere sulle autostrade greche.

I traghetti partono da Ancona e Brindisi, e dopo un viaggio piuttosto confortevole vi lasceranno, appunto, al porto di Igoumenista, da dove partono le autostrade greche che poi vi consentiranno di raggiungere anche Istanbul.

Sarà la crisi che ha colpito il paese greco, sarà che le autostrade sono anche troppo ampie per un paese che conta meno di 10 milioni di abitanti, ma sta di fatto che guidare in Grecia è uno spasso. Si paga pochissimo (circa 6€ fino al confine turco), non c’è praticamente nessuno, e si mangia anche bene in Autogrill.

Redazione Istanbul Turismo

Ultimi Post

Palazzo Boukoleon
Palazzo Boukoleon

Palazzo Boukoleon   Boukoleon Palace (Palazzo Bucoleon) Palazzo d'Estate degli Imperatori Bizantini: Palazzo Boukoleon, era il palazzo estivo degli imperatori bizantini, che fu costruito lungo le rive del Mar di Marmara, a sud del Gran Palazzo di...

Moschee del Grande Ammiraglio a Istanbul
Moschee del Grande Ammiraglio a Istanbul

Moschee del Grande Ammiraglio a Istanbul Ecco delle informazioni sulle moschee del grande ammiragio a ISTANBUL. Mimar Sinan (1489-1588) -senza dubbio- fu il più importante architetto ottomano. Nel XVI secolo costruì o supervisionò centinaia di strutture in ogni angolo...

Join Our School Newsletter

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *