Seleziona una pagina
Moschee del Grande Ammiraglio a Istanbul

Moschee del Grande Ammiraglio a Istanbul

Written By

Redazione Istanbul Turismo

Date

Ott 14, 2022

Category

Moschee del Grande Ammiraglio a Istanbul

Ecco delle informazioni sulle moschee del grande ammiragio a ISTANBUL.

Mimar Sinan (1489-1588) -senza dubbio- fu il più importante architetto ottomano. Nel XVI secolo costruì o supervisionò centinaia di strutture in ogni angolo dell’Impero Ottomano tra cui complessi di moschee,  hamam (bagno turco), ponti, ospedali,  madrase (liceo religioso), tombe e molti altri. I patroni di queste strutture erano membri della famiglia imperiale o funzionari di alto rango come il Gran Visir, Harem Agha, Shaykh al-Islam (leader religioso dell’Islam sunnita) e Kaptan-ı Derya (Grand Ammiraglio). Tra le opere di Sinan a Istanbul, ci sono due complessi di moschee ( külliye ) commissionati da due diversi Kaptan-ı Derya  (Grand Ammiraglio):Moschea Sinan Paşa  e  Moschea Kılıç Ali Paşa.

Moschea di Sinan Paşa

Costruita dal famoso architetto Mimar Sinan  nel 1555, la Moschea Sinan Paşa (Sinan Paşa Camii) è un complesso di moschee ottomane ( külliye ) situato in un quartiere densamente popolato di Istanbul, Beşiktaş. La Moschea Sinan Paşa è anche chiamata Moschea Beşiktaş ed è una delle moschee ottomane più sottovalutate di Istanbul poiché si trova in uno dei quartieri più trafficati di Istanbul.

La moschea fu commissionata da Sinan Paşa nel 1550, che fu il grande ammiraglio ( Kaptan-ı Derya ) della marina ottomana tra il 1550 e il 1553. Prima della costruzione della moschea, Sinan Paşa morì nel 1553 e non poté vedere o seppellire il suo propria moschea. La moschea è stata costruita come un complesso di moschee ( külliye ) comprendente una moschea, madrasa (scuola superiore religiosa), mekteb (scuola elementare) e hamam (bagno turco); tuttavia, oggi sopravvivono solo la moschea e la madrasa . Altre strutture appartenenti al complesso della moschea furono distrutte negli anni ’50 a causa della costruzione di strade.

La pianta della Moschea Sinan Paşa è di forma rettangolare con una cupola al centro e due cupolette su entrambi i lati della cupola principale. Questa caratteristica architettonica della moschea è molto simile all’architettura della prima moschea ottomana. Tuttavia, la cupola della moschea è sorretta da una struttura interna esagonale e questa è la caratteristica più importante e unica della moschea. Rispetto ad altre moschee costruite da Mimar Sinan, l’interno della moschea Sinan Paşa è meno decorato a causa della prematura perdita di Sinan Paşa durante la costruzione della moschea. Per lunghi anni la moschea è stata in restauro ed è stata riaperta nel 2014.

Moschea Kılıç Ali Paşa

Commissionato dall’omonimo Kılıç Ali Paşa , un ambizioso corsaro italiano del XVI secolo convertito all’Islam, fu chiamato Uluç Ali Reis. Salì di grado da schiavo a capitano della sua nave, per poi diventare il Kaptan-ı Derya (Grand Ammiraglio) della marina ottomana. Il nome ılıç (spada) gli fu conferito al momento della sua nomina.

Si dice che, quando ha annunciato che avrebbe dotato una moschea, il suo rivale, il Gran Visir Rüstem Paşa (che ha commissionato la moschea Rüstem Paşa ), ha detto che: “Dato che è l’ammiraglio, lascia che costruisca la sua moschea sul mare”. Il sempre determinato Kılıç Ali Paşa fece semplicemente costruire un’isola artificiale nello stretto del Bosforo, e la moschea vi andò sopra (la successiva creazione del porto moderno, significa che la moschea è ora ben nell’entroterra).

Sebbene progettata da Sinan quasi come una replica della Basilica di Santa Sofia , la moschea è ancora un bell’esempio di architettura islamica ottomana, decorata con alcune bellissime opere d’arte islamica tra cui calligrafia e piastrelle. Il complesso della moschea Kılıç Ali Paşa ( külliye ) comprende una madrasa  (scuola superiore religiosa), una tomba, una fontana e un hamam (bagno turco). Kılıç Ali Paşa Hamam  ha recentemente subito un ampio restauro e funzionamento. Oggi, Kılıç Ali Paşa Hamam è il massimo del lusso, offrendo la possibilità di farsi lavare in vero stile ottomano.

Come arrivare in Turchia

Sono tanti i tipi avventurosi (e chi vi scrive fa parte di questa categoria) che raggiungono ogni anno la Turchia via macchina dall’Italia. Si tratta di un viaggio interessante, che vi permette di incontrare sul tragitto anche qualche chicca da visitare.

Sicuramente non si tratta di un viaggio semplice, dato che c’è da attraversare, nella migliore delle ipotesi, Italia, Grecia e infine Turchia,

Vediamo insieme come organizzarci, da dove passare e come evitare problemi di sorta.

Piuttosto che fare il giro dei balcani, con quello che comporta a livello di distanza da percorrere e di dogane da attraversare, è sicuramente meglio prendere un traghetto in direzione Igoumenitsa e poi procedere sulle autostrade greche.

I traghetti partono da Ancona e Brindisi, e dopo un viaggio piuttosto confortevole vi lasceranno, appunto, al porto di Igoumenista, da dove partono le autostrade greche che poi vi consentiranno di raggiungere anche Istanbul.

Sarà la crisi che ha colpito il paese greco, sarà che le autostrade sono anche troppo ampie per un paese che conta meno di 10 milioni di abitanti, ma sta di fatto che guidare in Grecia è uno spasso. Si paga pochissimo (circa 6€ fino al confine turco), non c’è praticamente nessuno, e si mangia anche bene in Autogrill.

Redazione Istanbul Turismo

Ultimi Post

Palazzo Boukoleon
Palazzo Boukoleon

Palazzo Boukoleon   Boukoleon Palace (Palazzo Bucoleon) Palazzo d'Estate degli Imperatori Bizantini: Palazzo Boukoleon, era il palazzo estivo degli imperatori bizantini, che fu costruito lungo le rive del Mar di Marmara, a sud del Gran Palazzo di...

sentieri escursionistici vicino a Istanbul
sentieri escursionistici vicino a Istanbul

sentieri escursionistici vicino a Istanbul Vuoi informarti sui sentieri escursionistici vicino a Istanbul ? Ok, vediamoli in questo articolo sui sentieri escursionistici vicino a Istanbul. Geograficamente, Istanbul è una città davvero unica. È divisa da uno stretto...

Join Our School Newsletter

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *