Seleziona una pagina
Cucina bizantina e tradizione culinaria

Cucina bizantina e tradizione culinaria

Written By

Redazione Istanbul Turismo

Date

Ott 13, 2022

Category

Cucina bizantina e tradizione culinaria

Vuoi conoscere un pò di cucina bizantina e tradizione culinaria Turca ? ok, vediamo di descrivere in questo articolo la cucina bizantina turca.

L’Impero Bizantino, noto anche come Impero Romano d’Oriente, governò l’area dell’attuale Turchia per più di mille anni (330 – 1453 d.C.). Poiché un impero che vive così a lungo in questa geografia svilupperebbe una ricca cultura del cibo. Eppure, la cucina bizantina è stata un mistero per studiosi, cuochi e il grande pubblico, perché i libri di cucina sopravvissuti dai bizantini sono molto rari. Per quanto riguarda la cucina e la tradizione culinaria bizantina, gli studiosi di solito fanno deduzioni con l’aiuto di fonti scritte e opere d’arte come dipinti, icone, affreschi e così via. In questo post, vorremmo presentarvi la cucina bizantina e la tradizione culinaria dei Bizantini.

gm_343366EX1

Icona bizantina raffigurante l’ospitalità di Abramo, XIV secolo d.C

Cucina Bizantina: Fusione Gastronomica

Secondo la nostra ricerca, la cucina bizantina era incentrata sul mediterraneo, nel senso che era composta principalmente da cereali, olive, verdure, frutti di mare, legumi, cereali, verdure selvatiche e frutta. Sfortunatamente, la maggior parte della popolazione non ha avuto la fortuna di procurarsi tali ingredienti, per non parlare di consumarli. Il pane era invece il cibo del popolo e quindi essenziale per i Bizantini. C’erano diversi tipi di pane come artos  (pane bianco appena sfornato),  paximadia  (pane duro a lunga durata) e  traganos (porridge). Secondo Andrew Dalby, le olive e l’olio d’oliva erano altri ingredienti essenziali dei bizantini. In effetti, costituivano quasi un terzo dell’assunzione alimentare totale di una persona. Proprio come oggi, le coste egee e mediterranee dell’impero erano i principali centri di produzione di olive e olio d’oliva. Un fatto interessante era il consumo di prodotti animali che era limitato, esclusi i frutti di mare, che erano facilmente reperibili. Questo perché mangiare animali era un lusso. In termini di carne, la cucina bizantina era composta principalmente da carne di maiale e pecora piuttosto che – oggi preferita – manzo e pollo.

Mosaico di Butler, IV secolo d.C

E la cucina di Costantinopoli?

“Cosa mangiavano i costantinopoliti?” non si può rispondere con una frase o un paragrafo. Costantinopoli (Istanbul bizantina) era ancora più complicata e diversa. Per tutto il medioevo Costantinopoli fu una delle più importanti città portuali; era il collegamento tra il Mar Nero e il Mar Mediterraneo. Inoltre, la città stessa è un ponte tra l’Europa e l’Asia. Pertanto, c’erano molti dati demografici in città che portavano con sé la propria cucina. I costantinopoliti distribuirebbero e consumerebbero gli ingredienti dei Balcani, dell’Anatolia, del Mar Nero, dell’Egeo, dei Persiani e di molte altre civiltà. In breve, la cucina di Costantinopoli era un enorme mix di cucine diverse. Tuttavia, sappiamo sia dalle fonti primarie che dalle opere d’arte che uno dei pasti preferiti dalle élite costantinopolitane era il  cephalos (triglia) che si trova in abbondanza nel mare di Costantinopoli, il Mar di Marmara.

cibo bizantino

Festa dei figli di Giobbe, XIV secolo d.C

La bevanda della cucina bizantina: il vino

Il vino era la bevanda principale che accompagnava la maggior parte dei pasti bizantini e c’erano anche varie qualità di vino. Sebbene le terre controllate dall’impero bizantino (Balcani, Cappadocia, Anatolia orientale, costa egea, Peleponneso ecc.) – molto adatte alla vinificazione – le ultime ricerche di Ilias Anognostakis mostrano che la maggior parte dei vini veniva prodotta in tutte le isole dell’Egeo come Creta, Samos, Lesbo, Tenedos e molti altri, che sono ancora centri di produzione del vino.

Quanti pasti consumavano i bizantini in un giorno?

I bizantini consumavano due pasti durante il giorno:  ariston  (colazione leggera) e  deipnon  (pasto principale) serviti verso sera. Alcune fonti primarie menzionano anche la  profagione  (pasto leggero consumato all’alba). Fonti visive mostrano che, contrariamente alle tradizioni del Vicino Oriente, i Bizantini sedevano su panche o sedie raccolte attorno a un tavolo rettangolare. Per prima  cosa sono stati serviti l’ opsa  (piccole porzioni di antipasti) e poi il pasto principale. Erano disponibili vari utensili come cucchiai, coltelli, ciotole individuali e persino forchette.

Ritratto di Alessio III Comneno nel romanzo di Alessandro Magno, XIV secolo

Ritratto di Alessio III Comneno nel romanzo di Alessandro Magno, XIV secolo d.C

Imperatrice bizantina Skleros: la prima a  introdurre l’uso di Table Fork

La forchetta da tavola inventata dai bizantini! Secondo San Pietro Damiano , vissuto nel X secolo d.C., Theophanu Skleros, la moglie bizantina di Ottone II , introdusse per la prima volta la forchetta da tavola in un banchetto che ospitò nel 972 d.C. I suoi ospiti occidentali stupirono con l’utensile che nell’XI secolo la forchetta da tavola era un accessorio da tavola comune in occidente.

Forche bizantine, XI secolo

Forche bizantine, XI secolo

Per maggiori informazioni sulla cucina bizantina e sulla tradizione culinaria vi consiglio di leggere il libro “I sapori di Bisanzio” di Andrew Dalby. Inoltre, per un esempio di menu della cena bizantina puoi leggere l’articolo di Aylin Öney Tan che è stato pubblicato la scorsa settimana. Sentiti libero di contribuire al nostro articolo e condividere le tue storie con noi.

Come arrivare in Turchia

Sono tanti i tipi avventurosi (e chi vi scrive fa parte di questa categoria) che raggiungono ogni anno la Turchia via macchina dall’Italia. Si tratta di un viaggio interessante, che vi permette di incontrare sul tragitto anche qualche chicca da visitare.

Sicuramente non si tratta di un viaggio semplice, dato che c’è da attraversare, nella migliore delle ipotesi, Italia, Grecia e infine Turchia,

Vediamo insieme come organizzarci, da dove passare e come evitare problemi di sorta.

Piuttosto che fare il giro dei balcani, con quello che comporta a livello di distanza da percorrere e di dogane da attraversare, è sicuramente meglio prendere un traghetto in direzione Igoumenitsa e poi procedere sulle autostrade greche.

I traghetti partono da Ancona e Brindisi, e dopo un viaggio piuttosto confortevole vi lasceranno, appunto, al porto di Igoumenista, da dove partono le autostrade greche che poi vi consentiranno di raggiungere anche Istanbul.

Sarà la crisi che ha colpito il paese greco, sarà che le autostrade sono anche troppo ampie per un paese che conta meno di 10 milioni di abitanti, ma sta di fatto che guidare in Grecia è uno spasso. Si paga pochissimo (circa 6€ fino al confine turco), non c’è praticamente nessuno, e si mangia anche bene in Autogrill.

Redazione Istanbul Turismo

Ultimi Post

Palazzo Boukoleon
Palazzo Boukoleon

Palazzo Boukoleon   Boukoleon Palace (Palazzo Bucoleon) Palazzo d'Estate degli Imperatori Bizantini: Palazzo Boukoleon, era il palazzo estivo degli imperatori bizantini, che fu costruito lungo le rive del Mar di Marmara, a sud del Gran Palazzo di...

Moschee del Grande Ammiraglio a Istanbul
Moschee del Grande Ammiraglio a Istanbul

Moschee del Grande Ammiraglio a Istanbul Ecco delle informazioni sulle moschee del grande ammiragio a ISTANBUL. Mimar Sinan (1489-1588) -senza dubbio- fu il più importante architetto ottomano. Nel XVI secolo costruì o supervisionò centinaia di strutture in ogni angolo...

Join Our School Newsletter

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *