Seleziona una pagina
Tessere di mosaico turche

Tessere di mosaico turche

Written By

Redazione Istanbul Turismo

Date

Ott 13, 2022

Category

Tessere di mosaico turche

Le conosci le tessere di mosaico Turche ? Andiamo a descrivere le tessere di mosaico Turche presenti nel palazzo Topkapi.

Situato in cima alla collina più visibile di Istanbul, il Palazzo Topkapi è uno dei simboli della città. Fu costruito nel 1461 dal sultano ottomano Mehmet II, che conquistò Costantinopoli e ne fece la capitale dell’Impero Ottomano nel 1453. Per più di quattro secoli il Palazzo Topkapi è stato il centro amministrativo dell’Impero Ottomano , nonché la casa privata della famiglia imperiale ottomana. Fu la dimora di ventidue diversi sultani ottomani e delle loro famiglie; di conseguenza, il complesso sontuoso si espanse nel corso della sua storia con strutture aggiuntive. Dal 1924, il Palazzo Topkapi funziona come un museo ed è il museo più visitato della Turchia.

Palazzo Topkapi

Palazzo Topkapi

Sebbene il palazzo si espanse sultano di sultano e famiglia per famiglia, c’era un elemento decorativo che rimase invariato e tutti lo seguirono: le tessere di mosaico turche ( çini ) che decoravano le pareti. La nostra conoscenza delle tessere di mosaico turche del Palazzo Topkapı è molto inferiore rispetto alla sua storia e architettura, tuttavia questo post tenta di fornire informazioni di base sulle tessere di mosaico turche ( çini ) del Palazzo Topkapı.

PIASTRELLA A MOSAICO TURCO (ÇİNİ)

Çini  (tessere di mosaico turca) è un artigianato in ceramica altamente decorato e la sua storia risale al X secolo d.C., Kara-Khanid-Khanate. L’uso di  çini  divenne molto più popolare durante i Suljuq e gli Ottomani che erano imperi turco-islamici proprio come Kara-Khanid-Khanate. Rispetto ai selgiuchidi, gli ottomani usarono di più le tessere di mosaico turche ( çini ) e le tessere di mosaico nel palazzo Topkapi, costruito a metà del XV secolo, lo giustificano. Come affermato, il Palazzo Topkapı ( Topkapı Sarayı ) è un enorme complesso sontuoso composto da centinaia di stanze/spazi e gran parte di essi è decorata con tessere di mosaico turche ( çini ).

Mosaico turco (Çini)

Mosaico turco (Çini)

TESSERE A MOSAICO DEL CONSIGLIO IMPERIALE (DIVAN-I HUMAYUN)

Situato all’angolo nord-ovest del secondo cortile del Palazzo Topkapi, il Consiglio Imperiale ( Divan-ı Hümayun ) fu costruito nel 1529 durante il regno di Solimano I (Solimano il Magnifico). Il Consiglio Imperiale ( Divan-ı Hümayun) era uno dei luoghi più importanti del Palazzo Topkapi, perché era la sala del gabinetto dell’Impero Ottomano e qui venivano prese le decisioni essenziali. La stanza contiene tessere di mosaico di Iznik risalenti al XVI secolo e sono dominate da figure floreali in blu, rosso e verde su sfondo bianco. Durante la conservazione/restauro del 2008, è stato scoperto che le tessere di mosaico del Consiglio Imperiale erano realizzate con la tecnica della penna e della tecnica del sottosmalto. La tecnica Underglaze è una tecnica di decorazione delle piastrelle in cui le figure vengono applicate sulla superficie prima che venga smaltata. In questo modo, lo smalto protegge le figure e i  çini  diventano più durevoli.

Consiglio Imperiale e le sue tessere di mosaico

Consiglio Imperiale e le sue tessere di mosaico

TESSERE A MOSAICO DELLA CAMERA DELLE PETIZIONI (ARZ ODASI)

Costruita durante il regno di Mehmet II (Mehmet il Conquistatore) nel 1460, la Camera delle petizioni ( Arz Odasi ) si trova nel terzo cortile ( enderun ) del Palazzo Topkapi. La sua ubicazione è fondamentale, poiché il terzo cortile ( enderun ) era compartimento privato del sultano ottomano e lo stesso sultano aveva contatti diretti con la Camera delle petizioni ( Arz Odası ). Per più di quattro secoli i sultani ottomani hanno ricevuto ambasciatori stranieri e funzionari statali in questa stanza. Inoltre, in questa stanza si discutevano argomenti privati ​​tra sultani e funzionari di alto rango. Come puoi vedere nelle fotografie, le tessere di mosaico ( çini ) di questa stanza sono uniche.

Ingresso della Camera delle petizioni (Arz Odasi)

Ingresso della Camera delle petizioni (Arz Odasi)

Mosaico quadrato sul battiscopa di Chmaber of Petitions

Mosaico quadrato sul battiscopa di Chmaber of Petitions

 

 

 

 

 

 

 

 

Sul battiscopa della porta d’ingresso sono presenti due tessere di forma quadrata e sono tessere di mosaico in stile Hatayi ( çini ) su fondo blu navy con figure floreali dai bordi spessi. Anche i loro colori sono unici, dal momento che il suo colore di sfondo è blu navy e il verde è il colore dominante su queste due piastrelle di forma quadrata. Su entrambi i lati della porta sono presenti lunghi pannelli di tessere di mosaico su fondo blu con tessere di mosaico in stile Rumi. Questi pannelli hanno bordi con fondo verde e figure floreali molto ricche. Le tessere a mosaico della Camera delle petizioni risalgono alla fine del XV secolo.

Ingresso della Camera delle petizioni

Ingresso della Camera delle petizioni

TESSERE A MOSAICO DELLA CORTE DEGLI EUNUCHI NERI (KARA AĞALAR TAŞLIĞI)

La sezione dell’Harem del Palazzo Topkapı era la casa privata della famiglia imperiale ottomana e gli eunuchi neri erano incaricati dell’amministrazione dell’Harem. Il loro compito principale era controllare le uscite e l’accesso all’Harem ed erano così importanti che nella classifica del protocollo ottomano si collocavano al terzo posto dopo il Gran Visir (equivalente del primo ministro) e  Şeyhülislam  (leader religioso dell’Islam sunnita). La corte degli eunuchi neri fu costruita durante il regno di Solimano II negli anni ’60 del Cinquecento; tuttavia, fu distrutto nell’incendio del 1665 e ricostruito negli anni ’70 del Seicento.

Tessere di mosaico della Corte degli eunuchi neri (Kara Ağalar Taşlığı)

Tessere di mosaico della Corte degli eunuchi neri (Kara Ağalar Taşlığı)

La corte degli eunuchi neri è un complesso che contiene diverse stanze e spazi come uno spazio pubblico ( divano ), un cortile, un dormitorio e una moschea. Tutte queste stanze sono decorate con tessere di mosaico Iznik del XVII secolo con tecnica sottosmalto. In termini di motivi, fiori di rosetta, tulipani, garofani, calligrafia rumi e cupressus (cipresso) sono dominanti in queste tessere di mosaico.

Come arrivare in Turchia

Sono tanti i tipi avventurosi (e chi vi scrive fa parte di questa categoria) che raggiungono ogni anno la Turchia via macchina dall’Italia. Si tratta di un viaggio interessante, che vi permette di incontrare sul tragitto anche qualche chicca da visitare.

Sicuramente non si tratta di un viaggio semplice, dato che c’è da attraversare, nella migliore delle ipotesi, Italia, Grecia e infine Turchia,

Vediamo insieme come organizzarci, da dove passare e come evitare problemi di sorta.

Piuttosto che fare il giro dei balcani, con quello che comporta a livello di distanza da percorrere e di dogane da attraversare, è sicuramente meglio prendere un traghetto in direzione Igoumenitsa e poi procedere sulle autostrade greche.

I traghetti partono da Ancona e Brindisi, e dopo un viaggio piuttosto confortevole vi lasceranno, appunto, al porto di Igoumenista, da dove partono le autostrade greche che poi vi consentiranno di raggiungere anche Istanbul.

Sarà la crisi che ha colpito il paese greco, sarà che le autostrade sono anche troppo ampie per un paese che conta meno di 10 milioni di abitanti, ma sta di fatto che guidare in Grecia è uno spasso. Si paga pochissimo (circa 6€ fino al confine turco), non c’è praticamente nessuno, e si mangia anche bene in Autogrill.

Redazione Istanbul Turismo

Ultimi Post

Palazzo Boukoleon
Palazzo Boukoleon

Palazzo Boukoleon   Boukoleon Palace (Palazzo Bucoleon) Palazzo d'Estate degli Imperatori Bizantini: Palazzo Boukoleon, era il palazzo estivo degli imperatori bizantini, che fu costruito lungo le rive del Mar di Marmara, a sud del Gran Palazzo di...

Moschee del Grande Ammiraglio a Istanbul
Moschee del Grande Ammiraglio a Istanbul

Moschee del Grande Ammiraglio a Istanbul Ecco delle informazioni sulle moschee del grande ammiragio a ISTANBUL. Mimar Sinan (1489-1588) -senza dubbio- fu il più importante architetto ottomano. Nel XVI secolo costruì o supervisionò centinaia di strutture in ogni angolo...

Join Our School Newsletter

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *