Seleziona una pagina
Le migliori chiese storiche di Istanbul

Le migliori chiese storiche di Istanbul

Written By

Redazione Istanbul Turismo

Date

Set 26, 2022

Category

Le migliori chiese storiche di Istanbul

Vuoi conoscere quali sono Le migliori chiese storiche di Istanbul ? Eccoti una lista delle migliori chiese storiche di Istanbul, che puoi visitare se hai tempo.

Poiché Istanbul è una delle migliori città considerata la capitale della cultura e dell’arte, le chiese di Istanbul sono eccezionali.

Il cristianesimo a Istanbul risale al IV secolo. La Santa Sofia, l’Hagia Eirene e l’Havariyyun sono le prime chiese cristiane di Istanbul. C’erano state molte chiese a Istanbul che appartengono a sette molto diverse, ordini religiosi e nazioni diverse (greca, armena, latina, genovese e altro).

Il Patriarcato greco di Fener e la chiesa di San Giorgio a Fener

Il Patriarcato Greco di Fener e la Chiesa Patriarcale di San Giorgio si trovano nel quartiere Fener sulle rive del Corno d’Oro e condividono lo stesso cortile. Il Patriarcato è ancora la chiesa madre del cristianesimo greco-ortodosso in tutto il mondo. La chiesa di San Giorgio ha molti oggetti di valore e il trono del V secolo è il più importante.

Chiesa della Santissima Trinità (Hagia Triada) a Taksim

La chiesa di Hagia Triada si trova all’ingresso di Istiklal Caddesi, Taksim, sulla sinistra, e può essere vista da tutti con la sua cupola e i suoi campanili gemelli. Risalente al 1880, è una chiesa greco-ortodossa della Santissima Trinità recentemente restaurata.

 

Chiesa cattolica di Sant’Antonio (Sant’Antonio da Padova) in via Istiklal

Situato sulla famosa via Istiklal a Taksim, il Sant’Antonio (Sant’Antonio di Padova) è una delle chiese più belle e magnifiche di Istanbul. Costruita nel 1912 in stile neogotico italiano, la chiesa è anche una delle chiese più grandi di Istanbul e appartiene alla comunità cattolica più popolosa.

Chiesa di San Pietro a Karakoy

Situata sotto la Torre di Galata a Karakoy, la Chiesa di Saint Pierre è stata costruita negli anni tra il 1841 e il 1843. Dopo il sequestro dei sacerdoti domenicani di Galata, che oggi è la Moschea Araba, la chiesa si trasferì qui. Con il suo stile basilicale e l’altare quadrilatero, le pareti posteriori della chiesa sono costruite all’interno di un tratto delle antiche mura genovesi di Galata. 

Chiesa ortodossa bulgara (Chiesa di ferro, Aya Istefanos) a Fener

La Chiesa bulgara (Aya Istefanos / Sveti Stefan), nota anche come Chiesa di ferro, si trova sulla costa del Corno d’Oro, vicino al quartiere Fener. Gli stampi in ferro utilizzati nella struttura furono portati da Vienna nel 1871 via nave. La chiesa fu costruita per la minoranza bulgara che lasciò il Patriarcato greco di Fener.

Surp Krikor Pisarovic Chiesa Armena Ortodossa – Karaköy

Situata in via Kemeralti Sakizcilar a Karakoy, la chiesa Surp Krikor Lusarovic è la più antica chiesa ortodossa armena di Istanbul costruita nel 1431. È anche la chiesa più antica conosciuta di Istanbul. Le cupole e il campanile sono molto eleganti e ci sono poche chiese a Istanbul che hanno quel tipo di cupole. 

 

Chiesa Surp Vorvots Vorodman a Kumkapı

Situata nel quartiere di Kumkapi, la chiesa Surp Vorvots Vorodman, che significa “Figli del fulmine”, è una chiesa bizantina utilizzata dalla comunità armena dopo la conquista di Istanbul. Composta da una cattedrale e due cappelle, la chiesa è stata la chiesa patriarcale dal 1641, ed è una delle tre chiese armene più note.

Chiesa di Nostra Signora dei Mongoli (Chiesa sanguinante) a Balat

Situata a Balat, è una chiesa benedetta della fine del XIII secolo ed è anche conosciuta come la Santa Maria dei Mongoli. La caratteristica più importante della chiesa è che non fu convertita in moschea durante l’Impero ottomano e fu lasciata al culto della comunità greco-ortodossa.

Chiesa greco-ortodossa di Ayia Efimia a Kadikoy

La chiesa greco-ortodossa di Ayia Efimia si trova nella piccola piazza dell’area del mercato di Kadikoy. La chiesa fu costruita per la prima volta nell’anno 1694 e risale al 1830.

Secondo la storia, l’Ayia Efemia era una cristiana che scelse di non seguire il culto degli dei pagani e fu sottoposta a torture e uccisioni nel 305 a causa di questa resistenza.

Grande Moschea di Santa Sofia a Sultanahmet

Risalente al 325, Santa Sofia è un’ex chiesa e museo, dichiarata una delle più grandi opere architettoniche del mondo e accettata come l’ottava meraviglia del mondo. Santa Sofia è anche uno dei monumenti e dei musei più visitati a Istanbul e nel mondo. Serve come moschea da luglio 2020.

 

Museo Santa Irene a Sultanahmet

Risalente al 4 ° secolo, Santa Irene, ex chiesa, ora museo, funge anche da centro di attività culturali e mostre ed è situata all’interno della 1a corte del Museo di Palazzo Topkapi. Si compone di tre sezioni che includono; il naos, il nartece e l’atrio, mentre l’atrio in piedi è l’unico esemplare superstite del periodo bizantino.

Moschea Chora a Edirnekapi

Situato nel quartiere di Edirnekapi e facente parte di un monastero che risale al VI secolo, il Museo Chora (ex Chiesa-Museo) è uno dei musei più impressionanti di Istanbul. Il Museo Chora ospita bellissimi esempi di mosaici e affreschi bizantini. Chora è stata utilizzata come museo fino al 2020 e poi convertita in moschea.

Come arrivare in Turchia

Sono tanti i tipi avventurosi (e chi vi scrive fa parte di questa categoria) che raggiungono ogni anno la Turchia via macchina dall’Italia. Si tratta di un viaggio interessante, che vi permette di incontrare sul tragitto anche qualche chicca da visitare.

Sicuramente non si tratta di un viaggio semplice, dato che c’è da attraversare, nella migliore delle ipotesi, Italia, Grecia e infine Turchia,

Vediamo insieme come organizzarci, da dove passare e come evitare problemi di sorta.

Piuttosto che fare il giro dei balcani, con quello che comporta a livello di distanza da percorrere e di dogane da attraversare, è sicuramente meglio prendere un traghetto in direzione Igoumenitsa e poi procedere sulle autostrade greche.

I traghetti partono da Ancona e Brindisi, e dopo un viaggio piuttosto confortevole vi lasceranno, appunto, al porto di Igoumenista, da dove partono le autostrade greche che poi vi consentiranno di raggiungere anche Istanbul.

Sarà la crisi che ha colpito il paese greco, sarà che le autostrade sono anche troppo ampie per un paese che conta meno di 10 milioni di abitanti, ma sta di fatto che guidare in Grecia è uno spasso. Si paga pochissimo (circa 6€ fino al confine turco), non c’è praticamente nessuno, e si mangia anche bene in Autogrill.

Redazione Istanbul Turismo

Ultimi Post

Palazzo Boukoleon
Palazzo Boukoleon

Palazzo Boukoleon   Boukoleon Palace (Palazzo Bucoleon) Palazzo d'Estate degli Imperatori Bizantini: Palazzo Boukoleon, era il palazzo estivo degli imperatori bizantini, che fu costruito lungo le rive del Mar di Marmara, a sud del Gran Palazzo di...

Moschee del Grande Ammiraglio a Istanbul
Moschee del Grande Ammiraglio a Istanbul

Moschee del Grande Ammiraglio a Istanbul Ecco delle informazioni sulle moschee del grande ammiragio a ISTANBUL. Mimar Sinan (1489-1588) -senza dubbio- fu il più importante architetto ottomano. Nel XVI secolo costruì o supervisionò centinaia di strutture in ogni angolo...

Join Our School Newsletter

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *