Seleziona una pagina
cosa è il Trattato di Kadesh

cosa è il Trattato di Kadesh

Written By

Redazione Istanbul Turismo

Date

Ott 2, 2022

Category

cosa è il Trattato di Kadesh ( Qadesh )

Gli Ittiti, divenuti una superpotenza nel Vicino Oriente insieme a Babilonesi, Assiri e alle civiltà Egizie intorno al 2000 a.C., erano una volta la più forte potenza militare e politica, ancora viva grazie ai monumenti rinvenuti in tutta l’Anatolia. Erano i rivali più duri dei potenti Faraoni dell’Antico Egitto, e cambiarono definitivamente il volto del Vicino Oriente, salendo alla ribalta della storia con il loro background culturale di 3500 anni. Le rovine più spettacolari degli Ittiti che sopravvivono nell’era moderna possono essere viste a Hattusha.

La fondazione della diplomazia

Per governare uno stato così grande come l’Impero Ittita, era naturale stabilire legami con i paesi confinanti. Queste relazioni sono state rese possibili dall’uso della scrittura cuneiforme su tavolette.

Esisteva una considerevole tradizione di corrispondenza e relazioni tra le nazioni di quel tempo. La testimonianza più significativa di ciò è stato, al di là di ogni dubbio, il trattato di Kadesh, noto in tutto il mondo, stipulato tra il faraone Ramesse II e Hattusili III nel 1269 a.C. Una versione di questo trattato è stata scolpita nelle pareti dei templi egizi. La versione ittita, registrata su un pezzo di tavoletta, è stata trovata negli scavi di Boğazköy. Questa tavoletta è conservata oggi al Museo Archeologico di Istanbul.

Il Trattato di Kadesh è il primo trattato di pace internazionale registrato nella storia. Questa tavoletta in cuneiforme, trovata ad Hattusha e considerata il fondamento della diplomazia internazionale nell’accezione moderna del termine, è stata poi copiata, ingrandita e messa in mostra nella sede delle Nazioni Unite di New York.

Museo archeologico di Istanbul: un viaggio nella storia

Il Museo Archeologico di Istanbul, dove è esposto il Trattato di Kadesh, è uno dei musei più grandi e importanti del mondo. La collezione del museo include il sarcofago che si crede sia di Alessandro Magno, statue ereditate da artisti di successo nel loro periodo e molte altre opere d’arte. Il Museo dell’Antico Oriente (Eski Şark Eserler Müzesi) e il Museo del padiglione piastrellato (Çinili Köşk), che condividono lo stesso cortile del Museo Archeologico, includono anche notevoli opere d’arte.

Perché il Trattato di Kadesh è importante?

  • Fu il primo trattato di pace internazionale registrato nella storia.
  • Fu realizzato tra il faraone Ramesse II e Hattusili III nel 1269 a.C., quasi 3300 anni fa.
  • Registrato su una tavoletta, è in mostra al Museo Archeologico di Istanbul. Una versione di questo trattato è stata scolpita nelle pareti dei templi egizi.
  • Considerato il fondamento della diplomazia internazionale nell’accezione moderna del termine, è stato poi copiato, ingrandito e messo in mostra nella sede delle Nazioni Unite di New York

Come andare ?

Il Trattato di Kadesh è in mostra al Museo Archeologico di Istanbul. È possibile arrivare a Istanbul in aereo da quasi ogni parte del mondo. Istanbul può anche essere facilmente raggiunta da altre città sia su strada che su rotaia. Il Museo Archeologico di Istanbul è aperto tutti i giorni della settimana, tra le 09.00  e  17.00 .Hattusha, la capitale dell’Impero Ittita, si trova nella contea di Boğazkale, nella provincia di Çorum. Si trova a 87 km a sud-ovest di Çorum. Dista 215 km dall’aeroporto di Ankara Esenboğa, mentre la distanza dall’aeroporto di Merzifon è di 150 km.

Come arrivare in Turchia

Sono tanti i tipi avventurosi (e chi vi scrive fa parte di questa categoria) che raggiungono ogni anno la Turchia via macchina dall’Italia. Si tratta di un viaggio interessante, che vi permette di incontrare sul tragitto anche qualche chicca da visitare.

Sicuramente non si tratta di un viaggio semplice, dato che c’è da attraversare, nella migliore delle ipotesi, Italia, Grecia e infine Turchia,

Vediamo insieme come organizzarci, da dove passare e come evitare problemi di sorta.

Piuttosto che fare il giro dei balcani, con quello che comporta a livello di distanza da percorrere e di dogane da attraversare, è sicuramente meglio prendere un traghetto in direzione Igoumenitsa e poi procedere sulle autostrade greche.

I traghetti partono da Ancona e Brindisi, e dopo un viaggio piuttosto confortevole vi lasceranno, appunto, al porto di Igoumenista, da dove partono le autostrade greche che poi vi consentiranno di raggiungere anche Istanbul.

Sarà la crisi che ha colpito il paese greco, sarà che le autostrade sono anche troppo ampie per un paese che conta meno di 10 milioni di abitanti, ma sta di fatto che guidare in Grecia è uno spasso. Si paga pochissimo (circa 6€ fino al confine turco), non c’è praticamente nessuno, e si mangia anche bene in Autogrill.

[booking_product_helper shortname="ricercacentrale"]

Redazione Istanbul Turismo

Ultimi Post

Palazzo Boukoleon
Palazzo Boukoleon

Palazzo Boukoleon   Boukoleon Palace (Palazzo Bucoleon) Palazzo d'Estate degli Imperatori Bizantini: Palazzo Boukoleon, era il palazzo estivo degli imperatori bizantini, che fu costruito lungo le rive del Mar di Marmara, a sud del Gran Palazzo di...

Moschee del Grande Ammiraglio a Istanbul
Moschee del Grande Ammiraglio a Istanbul

Moschee del Grande Ammiraglio a Istanbul Ecco delle informazioni sulle moschee del grande ammiragio a ISTANBUL. Mimar Sinan (1489-1588) -senza dubbio- fu il più importante architetto ottomano. Nel XVI secolo costruì o supervisionò centinaia di strutture in ogni angolo...

Join Our School Newsletter

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *