Seleziona una pagina
cose da fare a Kusadasi

cose da fare a Kusadasi

Written By

Redazione Istanbul Turismo

Date

Set 14, 2022

Category

Cose da fare a Kusadasi

Vuoi visitare il distretto di Kuşadası ? Il Kusadasi è una località balneare turca che sorge sulla costa occidentale che si affaccia sul Mar Egeo.

Punto di partenza per chi vuole visitare le rovine classiche nella vicina Efeso, è anche una delle mete favorite per le crociere.

La passeggiata lungomare, il porticciolo e il grande porto sono un susseguirsi di hotel e ristoranti.

Al largo della costa, sull’isola di Pigeon si trova il castello bizantino cinto da mura che un tempo proteggeva la città e che è collegato alla terraferma da una strada rialzata.

Castello di Kusadasi

Costruito e ampliato tra il XIV e il XVIII secolo, il pittoresco castello di Kusadasi si trova sull’isola dei piccioni (Guvercin Adasa), un isolotto collegato a Kusadasi tramite una strada rialzata.

Originariamente costruita come base militare, la fortezza è composta da mura esterne che racchiudono i suoi giardini e un castello interno con un minuscolo museo.

Efeso (Efes)

Efeso (Efes) è uno dei più grandi siti antichi del Mediterraneo.

Durante il suo periodo di massimo splendore nel I secolo aC, era la seconda città più grande del mondo, con solo Roma al comando di più potere. Molte strutture e rovine ricostruite, tra cui il Tempio di Artemide, una delle sette meraviglie del mondo antico, possono essere viste qui.

Casa della Vergine Maria (Meryem Ana Evi)

Un santuario sacro al presunto luogo di morte di Santa Maria, la Casa della Vergine Maria (Meryem Ana Evi) a Efeso è una testimonianza permanente della casa dell’amata madre di Gesù (Meryem Ana o Meryemana in turco). Molti credono che la casa fosse davvero il luogo in cui trascorse i suoi ultimi giorni, e oggi puoi visitare la casa in pietra restaurata, che ora funge da cappella.

Servendo come territorio sacro per cristiani e musulmani, la casa della Vergine Maria ha chiamato centinaia di migliaia di visitatori e pellegrini sin dalla sua scoperta nel XIX secolo. I resti della cappella risalgono al VI secolo e funge da luogo in cui i suoi custodi, i padri lazzaristi, conducono la messa ogni giorno.

Nonostante l’altare posto all’interno, la casa contiene ancora una camera da letto e una cucina, decorata con immagini di Maria e candele.

Molti credono che la sorgente che scorre sotto la St. Mary’s House sia benedetta e abbia il potere di guarire, e una volta entrati nella casa, puoi vedere le stampelle e altri apparati lasciati dietro di sé che sono stati apparentemente lasciati indietro in mezzo ai miracoli.

Tempio di Artemide (Artemision)

Il Tempio di Artemide, o Artemision, era un tempio greco nell’odierna Turchia dedicato alla dea Artemide. Era una delle sette meraviglie originali del mondo antico. Fu costruito non lontano da Efeso, appena fuori dall’attuale città di Selcuk. Il tempio è stato completamente ricostruito più volte nel corso della storia dopo essere stato distrutto in più occasioni sia dalla natura che da fattori umani.

Oggi rimane poco del tempio nella sua posizione originale da quando gli archeologi hanno portato gran parte delle rovine al British Museum.

Il Tempio di Artemide è solo un paio di miglia da Efeso, rendendolo un’attrazione facile da visitare. I visitatori possono ancora vedere un’alta colonna e una manciata di pezzi di marmo dalle fondamenta della struttura e la posizione storica è affascinante. Dal sito si possono anche vedere le rovine della Basilica di San Giovanni, situata su una collina a Selcuk.

Sardis (Sart)

Antiche rovine preromane sono solo una gita di un giorno da Kusadasi nella città in rovina di Sardis, la capitale del regno di Lidia dal VII al VI secolo a.C.

Per un certo tempo Sardi (Sart, oggi) è stata rinomata nell’antichità classica come la città più ricca del pianeta, nota per la sua leggendaria fornitura di oro trasportato dalle montagne Tumulus. Il termine “ricco come Creso” si riferisce a quell’oro e all’ultimo sovrano della Lidia, il re Creso, che si pensa abbia inventato le monete d’oro.

In effetti, l’insediamento qui risale al Paleolitico, ma la maggior parte di quella storia giace sottoterra, distrutta da millenni di attività sismica. Al giorno d’oggi, il sito è famoso per le sue imponenti rovine romane, costruite centinaia di anni dopo l’iniziale esplosione di fama della città, intorno al II secolo d.C.

Durante una visita al sito vedrai una grande struttura a due piani di colonne e architravi che delinea l’estensione della palestra di epoca romana. I bagni qui risalgono al 3 ° secolo d.C. e un tempo i negozi fiancheggiavano la vicina strada di pietra di marmo. Sono sopravvissuti bei capitelli scolpiti con foglie d’acanto e volute classiche, insieme a statue e pavimenti piastrellati a mosaico.

Vedrai anche la Sinagoga con la sua corte in marmo e i suoi mosaici, l’acropoli e il celebre Tempio di Artemide, una delle sette meraviglie del mondo antico.

Non perdere l’esempio dei bagni comuni dei romani, con una fila condivisa di posti a sedere sospesa su una latrina. L’arena della città è stata distrutta da un terremoto quasi 2.000 anni fa e ci sono rovine più recenti risalenti al periodo bizantino.

Mileto

L’antica città greca di Mileto nell’odierna Turchia era una volta un’importante città portuale. Quando la posizione del fiume è cambiata, la città è stata infine abbandonata.

L’insediamento di Mileto risale al 1400 a.C. e la città crebbe fino a diventare una delle città più ricche della Grecia, grazie in gran parte alla sua posizione alla foce del fiume Maeander. Nel corso dei secoli il fiume ha cambiato corso, lasciandosi alle spalle Mileto.

La città fu successivamente distrutta dai persiani nel 499 a.C. e poi ricostruita su un nuovo piano a griglia che sarebbe diventato il modello per le città romane. Gli scavi nel sito iniziarono alla fine del 1800 e oggi si possono vedere i resti di un teatro, uno stadio, un tempio di Apollo, un castello e una chiesa di epoca bizantina e bagni romani.

Adaland Aquapark

Adaland Aquapark è un parco acquatico a Kusadasi, in Turchia, sulla costa occidentale del paese. In passato è stato nominato uno dei migliori parchi acquatici del mondo.

Il parco ha un’ampia varietà di scivoli d’acqua tra cui uno scivolo a testa alta, uno scivolo a caduta libera, scivoli ad anello, scivoli per il corpo, scivoli a tubo, scivoli veloci, scivoli in pendenza, scivoli a tunnel buio e lo scivolo per famiglie più lungo del mondo con tubi da due a sei persone. C’è anche una grande fontana con l’acqua che esce dal terreno messa in musica in un’area chiamata Rain Dance dove puoi ballare e goderti l’acqua.

Il parco acquatico ha una pista di forma ellittica per il rafting ed è l’unico posto a Kusadasi dove si può fare rafting.

Adaland Aquapark dispone anche di una vasca idromassaggio con acqua calda e frizzante, un fiume lento, una piscina con le onde e una piscina per bambini. C’è una piscina di attività dove puoi nuotare o prendere il sole. Quando sei pronto per fare una pausa, ci sono diversi ristoranti e bar che offrono hamburger, pizza, cibo turco, bevande alcoliche e analcoliche e altro ancora.

Priene

L’antica città greca di Priene si trova nella moderna Turchia, ma le sue radici greche sono chiaramente visibili negli scavi che puoi visitare. I resti della città di Priene che possiamo vedere oggi risalgono al IV secolo a.C., ma è ampiamente noto tra gli archeologi che l’insediamento originale di Priene è molto più antico. Non si può dire quanto sia più antico – quei resti sono probabilmente ancora sepolti – ma è possibile che la città originale sia stata fondata prima del 1000 a.C.

Una delle principali attrazioni di Priene è il Tempio di Atena, situato nel punto più alto della città vecchia. Altre attrazioni negli scavi includono un teatro, l’agorà, un consiglio comunale chiamato “bouleuterion”, una palestra con bagni romani e un tempio di Demetra.

Parco nazionale di Dilek (Dilek Milli Parki)

Coprendo 87 miglia quadrate (227 chilometri quadrati), il Dilek Peninsula-Buyuk Menderes Delta National Park occupa una penisola a sud di Kusadasi, sulla costa egea della Turchia.

Le meraviglie naturali abbondano qui, dalle spiagge di ciottoli e la fauna selvatica ai sentieri, le antiche rovine e un sentiero escursionistico nel canyon.

Basilica di San Giovanni

Una visita alla Basilica di San Giovanni permette di dare uno sguardo alla storia di questo antico sito, costruito dall’imperatore bizantino Giustiniano nel VI secolo. Si ritiene che la chiesa si trovi sul luogo di sepoltura di Giovanni Apostolo ed è stata progettata a forma di croce. Al suo completamento, era coperto da sei cupole, con molte delle pareti presumibilmente un tempo ricoperte di affreschi.

Quando la vicina Efeso iniziò a perdere importanza, la Basilica di San Giovanni fu trasformata in una moschea, colpita da un terremoto e completamente distrutta da un esercito mongolo nel 1402.

Tutto ciò che rimane oggi sono vari mattoni e pietre accanto alle colonne di marmo che un tempo tenevano la struttura, ma il recente restauro offre ai visitatori il contesto per visualizzare e comprendere il suo stato e significato precedenti.

Molti combinano la loro visita con una passeggiata alla vicina fortezza di Ayasuluk in cima alla collina di Ayasuluk, dove si dice che San Giovanni abbia scritto il suo vangelo. Una salita offre splendide viste sulla zona circostante

Altre attività e cose da fare a Kusadasi

La Biblioteca di Celso è la parte più famosa delle rovine di Efeso in Turchia. Fu costruita tra il 110 e il 135 d.C.da Gaio Giulio Aquila in onore di suo padre, Celso Polemaeanus.

Sfortunatamente suo padre morì prima che la Biblioteca di Celso fosse completata e la sua tomba fu collocata in una stanza speciale sotto il livello del suolo dell’edificio.

Una statua di Atena è stata posta all’ingresso della tomba perché Atena era la dea della saggezza.

La Biblioteca di Celso era alta due piani e aveva tre ingressi nella parte anteriore.

Gli ingressi sono stati progettati con un’altezza esagerata in modo da conferire all’edificio l’aspetto complessivo di essere più grande di quanto non fosse. L’edificio è rivolto a est, il che ha permesso a molta luce del mattino di entrare nelle sale di lettura.

La Biblioteca di Celso era una volta la terza biblioteca più grande del mondo antico, dopo Alexandra e Pergamo, e poteva contenere più di 12.000 rotoli.

Sirince

Şirince, un piccolo villaggio di appena 600 abitanti, ha una lunga storia che è intrinsecamente legata a Efeso; anzi, si dice che sia stata fondata da schiavi greci liberati che la chiamarono “brutta” in turco per dissuadere altri dal seguirli dopo la caduta di Efeso.

Fu solo all’inizio del XX secolo che il nome fu cambiato in Şirince, che significa “piacevole”. Al giorno d’oggi il villaggio montuoso è principalmente noto per le sue numerose case in stucco imbiancate a calce, l’ambiente bucolico e lussureggiante, così come le sue cantine di frutta e gli uliveti.

La Chiesa di San Giovanni Battista, sebbene trascurata dalle autorità turche, conserva ancora fantastici affreschi bizantini.

La maggior parte dei turisti tende a visitare per un giorno come parte delle escursioni nella vicina Selçuk, ma ci sono anche una manciata di pensioni e caffè per gli ospiti che pernottano. I visitatori devono essere consapevoli che Sirince è molto affollata durante il fine settimana.

Tempio di Adriano a Efeso

Il Tempio di Adriano a Efeso è uno dei punti salienti delle rovine di Efeso in Turchia. Fu costruito intorno al 118 d.C. ed è in realtà più un monumento ad Adriano, Artemide e al popolo di Efeso.

Il tempio di Adriano è piccolo, ma c’è un bellissimo arco all’esterno, un portico e una piccola sala principale.

Il portico è sostenuto da pilastri e colonne corinzie. Una volta una statua di Adriano si trovava su un podio nel tempio, ma è andata perduta. Sulla parte anteriore del portico ci sono basi con i nomi di Galerio, Massimiano, Diocleziano e Costanzo Cloro incisi su di esse, indicando che le basi avrebbero potuto contenere statue di questi imperatori.

I rilievi del pannello all’interno raffigurano Medusa che respinge gli spiriti cattivi, la fondazione mitologica di Efeso e varie scene religiose. I rilievi visti oggi sono repliche in gesso, mentre gli originali sono protetti nel Museo di Efeso.

Latrina pubblica ad Efeso

Le rovine dell’antica città romana di Ephasus si trovano a Selcuk, in Turchia. La città era la seconda città più importante dell’impero romano durante il I e il II secolo d.C. Una delle sezioni popolari delle rovine è la Latrina Pubblica, accanto al Tempio di Adriano e al Bordello.

Le latrine pubbliche erano i bagni pubblici della città e furono costruite nel I secolo d.C. come parte delle Terme di Scolastica.

Questi bagni sono stati costruiti per fornire alla città i comfort moderni dei lavori pubblici, inclusi 36 bagni in marmo.

I visitatori possono ancora vedere, ma non usare, i servizi igienici allineati lungo le pareti. C’era una piscina scoperta con colonne che la circondavano che sostenevano un soffitto in legno.

Sotto le latrine c’era un sistema di drenaggio. C’era anche un abbeveratoio con acqua relativamente pulita vicino a dove sarebbero stati i tuoi piedi. Le persone che volevano usare i bagni dovevano pagare un biglietto d’ingresso.

Terme di Varius

Le Terme di Varius erano uno stabilimento balneare costruito nel II secolo d.C. a Efeso, nell’attuale Turchia. Le pareti nord ed est dell’edificio originale sono state ricavate da affioramenti naturali di roccia. Diversi lavori di ristrutturazione nel corso di alcuni secoli hanno conferito all’edificio un aspetto unico, inclusa l’aggiunta di un corridoio lungo 130 piedi e ricoperto di mosaici del V secolo.

I bagni coprivano una vasta area e avevano diverse stanze, comprese stanze separate per acqua fredda, calda e calda.

C’erano anche stanze private per alcuni ricchi cittadini di Efeso. Si ritiene che una sezione abbia funzionato come palestra.

I romani attribuiscono un alto valore alla pulizia personale, quindi le Terme di Varius sarebbero state un edificio importante nell’antica Efeso.

La maggior parte, ma non tutte le sezioni dei bagni sono state scavate e non è stato ancora eseguito alcun lavoro di restauro.

Alcune sezioni sono in buone condizioni, ma potrebbe essere necessaria un po ‘di creatività per immaginare come apparivano una volta le altre sezioni.

Porto di crociera di Kusadasi

Una delle località turistiche più famose lungo la costa dell’Egeo della Turchia e porta di accesso alle meraviglie di Efeso, patrimonio dell’UNESCO, il porto crocieristico di Kusadasi accoglie circa 200.000 crocieristi ogni anno. È anche un punto di partenza per il regolare servizio di traghetti per le isole greche circostanti.

Didyma

Situato a 48 miglia (78 chilometri) a sud di Kusadasi in Turchia, Didyma è un santuario incentrato sul Tempio di Apollo del II secolo a.C., un tempo tra i più grandi del mondo greco antico.

Ora ridotto a gigantesche colonne e camere rotte, il tempio una volta attirava migliaia di pellegrini che venivano per adorare Apollo e consultare il suo oracolo di profezia.

Come arrivare in Turchia

Sono tanti i tipi avventurosi (e chi vi scrive fa parte di questa categoria) che raggiungono ogni anno la Turchia via macchina dall’Italia. Si tratta di un viaggio interessante, che vi permette di incontrare sul tragitto anche qualche chicca da visitare.

Sicuramente non si tratta di un viaggio semplice, dato che c’è da attraversare, nella migliore delle ipotesi, Italia, Grecia e infine Turchia,

Vediamo insieme come organizzarci, da dove passare e come evitare problemi di sorta.

Piuttosto che fare il giro dei balcani, con quello che comporta a livello di distanza da percorrere e di dogane da attraversare, è sicuramente meglio prendere un traghetto in direzione Igoumenitsa e poi procedere sulle autostrade greche.

I traghetti partono da Ancona e Brindisi, e dopo un viaggio piuttosto confortevole vi lasceranno, appunto, al porto di Igoumenista, da dove partono le autostrade greche che poi vi consentiranno di raggiungere anche Istanbul.

Sarà la crisi che ha colpito il paese greco, sarà che le autostrade sono anche troppo ampie per un paese che conta meno di 10 milioni di abitanti, ma sta di fatto che guidare in Grecia è uno spasso. Si paga pochissimo (circa 6€ fino al confine turco), non c’è praticamente nessuno, e si mangia anche bene in Autogrill.

Dovrete procedere prima in direzione Thessaloniki/Salonicco/Selanik, e poi continuare in direzione Aleksandroupoli, ultima città che attraverseremo prima del confine turco.

Come arrivare a Kusadasi

La soluzione più economica per arrivare da Istanbul a Kuşadası è bus via Kuşadası che costa €5 – €9 e impiega 12h 17min.

La soluzione più rapida per arrivare da Istanbul a Kuşadası è volo, costa €40 – €140 e impiega 4h 1min.

Quanto dista Istanbul da Kuşadası?

La distanza tra Istanbul e Kuşadası è 380 km. La distanza stradale è 558.9 km.

La soluzione migliore per arrivare da Istanbul a Kuşadası senza una macchina è bus che dura 9h 59min e costa €5 – €21.

Quanto tempo ci vuole per andare da Istanbul a Kuşadası?

Ci vogliono circa 4h 1min per andare da Istanbul a Kuşadası, compresi i trasferimenti.

Booking.com

Redazione Istanbul Turismo

Ultimi Post

Le migliori Case del vino di Istanbul
Le migliori Case del vino di Istanbul

Le migliori Case del vino di Istanbul Vuoi fare un giro verso le migliori case del vino di Istanbul ? Troverai una varietà di grandi enoteche ed enoteche a Istanbul dove puoi goderti una serata meravigliosa con degustazioni e delizie di vino.   Case del vino di...

I migliori rooftop bar di Istanbul
I migliori rooftop bar di Istanbul

I migliori rooftop bar di Istanbul Ecco una lista breve dei migliori rooftop bar di Istanbul, facci un salto se hai tempo. Istanbul, capitale della Turchia e gigantesca metropoli, è divisa in due dal Bosforo: è un po’ come il confine tra due mari e due continenti....

Join Our School Newsletter

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.